Espandere e potenziare i contenuti online sull’Africa

WikiAfrica è un movimento internazionale collaborativo nato con l’intento di promuovere l’accesso alle informazioni e favorire la condivisione e la conservazione del sapere. Il suo obiettivo principale è quello di dare all’Africa una maggiore visibilità su Wikipedia, arricchendo il sito di informazioni e contenuti legati al continente. Ad oggi, WikiAfrica raccoglie oltre 40.000 contributi tra testi, citazioni, immagini, file audio e video.

L’iniziativa più importante di WikiAfrica è attualmente WikiAfrica Schools, uno degli strumenti principali attraverso cui si realizza l’impegno di Moleskine Foundation a favore dell’Istruzione di Qualità. Grazie a questa iniziativa, gli studenti contribuiscono alla creazione di un sapere che valorizza la loro realtà, la loro cultura, e che rispecchia i loro interessi e le loro passioni. Un modo per sviluppare e potenziare non solo l’abilità di ricerca e di scrittura, ma soprattutto l’esercizio del pensiero critico.

L’iniziativa è co-creata in partnership con l’organizzazione Wiki in Africa.

Trasformare le scuole da consumatrici a produttrici del sapere

WikiAfrica Schools nasce dall’esperienza maturata nel continente africano attraverso l’iniziativa WikiAfrica. L’ambizione principale di Wikipedia è quella di diventare una piattaforma attraverso la quale ogni singolo individuo può avere accesso alla totalità del sapere. In contrasto con questo ideale globale, l’Africa – con la sua ricchezza di culture, storie, idee e lingue – resta il continente su esistono meno risorse online. Il progetto intende quindi colmare due lacune fondamentali: quella che riguarda i produttori di contenuti in Africa e quella relativa ai contenuti stessi, trasformando così le scuole da passivi destinatari del sapere a diretti produttori di conoscenze.

Ashoka Storytelling Week, ASE, workshop WikiAfrica. Foto di Siphosihle Mkhwanazi

WikiAfrica, un movimento in crescita

WikiAfrica è un movimento internazionale che nasce in Africa ma si estende oltre i suoi confini. WikiAfrica incoraggia individui, organizzazioni e comunità a creare, espandere e potenziare i contenuti online relativi al continente africano. L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra la Fondazione lettera27 (oggi Moleskine Foundation) e Wikimedia Italia, che nel 2006 ha concettualizzato l’idea e reso accessibili i contenuti attraverso la licenza Creative Commons per facilitarne la condivisione, l’ampliamento e massimizzarne l’impatto.

Promosso da varie istituzioni (tra cui Africa Centre, Ynternet.org, Wikimedia CH e Wiki In Africa), il movimento WikiAfrica ha dato vita a una varietà di iniziative innovative. Progetti indipendenti ma collaborativi che hanno coinvolto diverse comunità, contribuendo ad arricchire i contenuti di Wikipedia. Tra le iniziative realizzate: Share Your Knowledge, i corsi di formazione e gli strumenti didattici #OpenAfrica, Kumusha Bus (Etiopia e Ghana), WikiEntrepreneur (Etiopia e Malawi), Kumusha Takes Wiki (Costa d’Avorio e Uganda) e Wiki Loves Africa.

I sostenitori del movimento WikiAfrica

Visualizza l’elenco dei partner

91.3 Capital FM
94.8 XFM
Abasuba Community Peace museum
ACRA Associazione di Cooperazione Rurale in Africa e America Latina
ActivSpaces
Addis Standard
Africa Centre
AfricaFilms.tv
African Architecture Matters
African School for Excellence
African Women Development Fund
Africultures
Afriradio
Agence e-voir
AIESEC Ethiopia
AMREF ITALIA onlus, in partnership with AMREF Uganda
Aquaculture Research and Development Centre, Kajansi
Arise Nigeria Women
ASAFE – Mme Yitamben Gisèle
Asinitas
Assaman: Rivista italo-africana
Assemblée Nationale de Côte d’Ivoire
Association of Writers of Côte d’Ivoire (AECI)
Associazione Amici del Museo delle Grigne Onlus
Associazione Good Samaritan
Associazione Stretta di Mano
AST, Associazione dei Senegalesi a Torino (in collaboration with the association Trait d’Union)
AVSI
Ayao.org / I am Yawo Project
Bartolomeu Dias Museum
Beaufort-West Museum
Benekie Foundation
Blackface Online Radio Station
Blackitude Museum,Yaoundé, Camerun
Brooklyn Museum
Bugisu Cooperative Union
Butterfly Works, Amsterdam
Caledon Museum
Cameroon O’Bosso
Cameroon Women’s Scholarship Alumni (CWS) – recently
Cango Caves Museum
Cape Medical Museum
Careof DOCVA
Casa Africa
Caucus des Femmes Parlementaires de Côte d’Ivoire
CBS FM Buganda
CEE-HOPE
CESVI
Chancellor College
Chimurenga Library
Cinemafrica-Africa e diaspore nel cinema
CISV Comunità Impegno Servizio Volontariato
Commission Nationale de la Francophonie
Compagnia di San Paolo
Connecting Cultures
COOPI Cooperazione Internazionale
COSPE Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti
COSV
CP Nel Museum
Creative Commons Italy
Creative Commons South Africa
Curate Africa, South Africa
doual’art, Camerun
Drostdy Museum
Encounters Documentary Film Festival
Espace d’intelligence collective Ovillage (network and content partner)
Ethiopian Authors Association/Music Association
Ethiopian Photographers Community
FCAT – Festival de Cine Africano de Còrdoba, Spagna
Feed My Starving Children
Felix Houphouet-Boigny University (Department of Philosophy)
Femrite (Readers writers club)
Festival Cinema Africano Asia e America Latina
Festival di cinema africano di Verona
First Floor Gallery
Fondation Orange
Fondazione Cariparma
Fondazione Cariplo
Fondazione ISMU
Fondazione lettera27
Fondazione Monte dei Paschi
Fondazione Piero e Lucille Corti
Fondazioni4Africa
Fransie Pienaar Museum
Fratelli dell’uomo (Frères des hommes)
Fruit of Thoughts Initiative
GALA-Gay and Lesbian Memory in Action
Gambia National Museum
Gayaza High School
Genadendal Mission Museum
General Secretary of Francophonie
George Museum
Ggaba Landing Site – Fishing Community
Ghana Local Guides
Global Teachers Institute
Goethe Institut
GogeAfrica Foundation
Groot-Brakrivier Museum
Hajiga Haleema Foundation –Endometriosis
Hapa space
Heinrich-Böll-Stiftung
Hop In Academy
Hout Bay Museum
Huguenot Memorial Museum
Hyrax Hill Museum, Lanet Nakuru, Kenya
Impact Hub
International Institute for Communication and Development
Istituto di ricerca CESPI Centro Studi di Politica Internazionale
Jan Dankaert Museum
Jeune Africa Moderne
Kah Walla (Cabinet Stratégies, Cameroun Ô Bosso, Cameroun People’s Party)
Karonga Museum
Katholieke Universiteit Leuven (Institute for Anthropological Research in Africa)
Koopmans De Wet House Museum
Kunstverein (Milano)
Kër Thiossane, Senegal
Lagozi
Les femmes de la diplomatie camerounais
lettera27
Linux Friends Association
Livingstone Gallery
Lutokoba Landing Site – Fishing Community
M-Net African Film Library
Makerere university (survey students)
Media Concern Initiative for Women and Children
Medici con l’Africa Cuamm
MISA Malawi
Montagu Museum
Mus’art Gallery, Kumbo
Museums and Monuments Board
Museums of Malawi
Muteesa royal university
NABA – Nuova Accademia di Belle Arti
National Archives of Malawi
National Commission for Museum and Monuments in Nigeria, Ile-Ife- Women in Ethnography
National Commission for Museum and Monuments in Nigeria, Osogbo- Women in History
National Gallery of Zimbabwe
National Institute for Cultural Orientation (NITCO)
National Library Service
Network of Ethiopian Woman Association
Nigrizia
Nkumba University
Odekro
Officina GRIOT + Epoché edizioni
Old Harbour Museum
ONG Akendenwa
Open West Africa Foundation
Out in Africa Film Festival
Paarl Museum
Phuthidikabo Museum, Mochudi, Botswana
Postal Museum, Mtengatenga, Malawi
Prins Claus
Project Pink-Blue- Breast Cancer: Treatment and awareness
Public Records and Archives Administration Department
Raccolte extraeuropee del Castello Sforzesco + Fondazione Alessandro Passaré
Reach Out Cameroon
Regulatory Authority of catering and food trades (ARRMA
Revue Noire, Africa e Mediterraneo and Associazione Cherimus
Robertson Museum
Rotaract Club Of TOU
Rural Women Development Center (RUWDEC)
SA Fisheries Museum
Sendinggestig(Missionary)Museum
Seychelles People Defense Forces Museum (SPDF)
She Writes Women
Shipwreck Museum
Short Story Day Africa
Simon’s Town Museum
Smithsonian Institution Archives
Society of Malawi
St. Denis Ssebugwawo
Stellenbosch Museum
STIC-Science Technology Information Center
Sudplanète
Sungani Zakwathu Cultural Heritage Promotions, Malawi
SUPSI: University of Applied Sciences and Arts of Southern Switzerland
Sustainable Sanitation Alliance
Tech Needs Girls
TechHer Ghana
TechHer Nigeria
Techy Girls
Tedx Accra
Tedx Spintex Women
The Archival Platform
The Bafumbira Kingdom
The Banyala Kingdom
The Baruuli Kingdom
The Fabulous Woman Network
The National Archives
The Permanent Centre for Education
Transport Riders Museum
Tropenmuseum
Uganda Museum
Uganda National Museum
University of Cape Town African Studies Unit
University of Cape Town IP Unit
Voice of Women 91.7 FM
VSF-E Vétérinaires Sans Frontières Europe, central office
WCIC (Women Counselling and Information Center)
Wellington Museum
Wheat Industry Museum
Wiki In Africa
Wiki Loves Monuments
Wikimedia Algeria
Wikimedia CH
Wikimedia España
Wikimedia Foundation
Wikimedia Italia
Wikimedia Serbia
Wikimedia South Africa
Wikimedia Usergroup Cameroon
Wikimedia Usergroup Cote d’Ivoire
Wikimedia Usergroup Egypt
Wikimedia Usergroup Ghana
Wikimedia Usergroup Nigeria
Wikimedia Usergroup Planning Tanzania
Wikimedia Usergroup Tunisia
Women Consortium of Nigeria
Women Farmer Association of Nigeria
Women for a Change Cameroon (WFAC)
Women of Rubies
Women Technology Empowerment Centre (W.TEC)- Women Capacity development in ICT
Women who code
Women’s Consortium of Nigeria
Women’s Leadership Network Cameroun WNL-C
Worcester Museum
World Pulse- Women Capacity Development and Advocacy
X hub
Yellow Movement, Xhub, ICE Addis
Ynternet.org
Zanzibar National Museum
Zoma Contemporary Art Center
Zone9 Bloggers

Una nuova generazione di creatori di contenuti online

WikiAfrica Schools si occupa di formare e sostenere insegnanti e studenti nella produzione di contenuti su Wikipedia. È un’iniziativa a sostegno delle scuole, mirata a promuovere l’alfabetizzazione e l’accesso degli studenti a sistemi di informazione globali, incoraggiando modalità di apprendimento collaborative, pratiche innovative e strumenti che favoriscano il pensiero critico. L’obiettivo fondamentale è quello di formare una nuova generazione di creatori di contenuti online.

WikiAfrica Schools è un’iniziativa che si sviluppa in collaborazione con gli insegnanti nell’ambito del programma scolastico. Sulla base del programma esistente, infatti, insegnanti e studenti possono realizzare contenuti su Wikipedia attraverso il sistema di editing offline WikiFundi, migliorando così le loro conoscenze e la loro capacità di apprendimento.

Perché è importante?

Per una serie di ragioni storiche e non solo, l’Africa è il continente su cui esistono meno contenuti su Internet. Quel poco che compare è stato scritto in gran parte da occidentali. C’è quindi una grande penuria di informazioni su un continente popolato da circa un miliardo di persone. Da qui la scarsa comprensione delle complessità che caratterizzano questo immenso spazio geografico, soprattutto per ciò che riguarda la cultura, l’economia, la politica, la storia e le forme di intrattenimento contemporanee. Il rischio è quello di perpetuare ciò che la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie chiama “il pericolo di una storia unica” sull’Africa.

Uno dei pericoli dell’avere online una storia unica sull’Africa, infatti, è che gli africani che iniziano oggi ad accedere in massa a Internet, attraverso i loro cellulari, possano finire col credere anche loro a ciò che leggono. Il programma WikiAfrica Schools punta a mutare questo scenario, formando una nuova generazione di editor di Wikipedia provenienti dall’Africa. Apprendendo nuovi sistemi di conoscenza, nuovi approcci al sapere e al pensiero critico, gli studenti possono quindi creare articoli di fondamentale importanza e ben documentati, capaci di riflettere la loro realtà geografica e sociale.

WikiAfrica, African School for Excellence, Tsakane, 2017, Foto: ©Eugene Malaka

“La storia unica crea stereotipi. E il problema degli stereotipi non è che siano falsi, ma che sono incompleti. ”

Chimamanda Ngozi Adichie — Scrittrice

A chi si rivolge?

Scuole secondarie
Studenti e giovani
Lettori di Wikipedia

Storia dell’iniziativa

Dal 2006 WikiAfrica promuove l’accesso al sapere e considera Wikimedia come un forum globale attraverso cui dare maggiore voce e visibilità all’Africa, arricchendo l’immaginario simbolico legato a questo complesso continente. Grazie alla partecipazione attiva di organizzazioni e singoli individui, WikiAfrica contribuisce ad aumentare la quantità e la qualità delle informazioni sull’Africa disponibili online.

In breve

Piattaforme online
WikiAfrica on Wikipedia

WikiAfrica.org
WikiinAfrica.org

In partnership con
Wiki in Africa, Città del Capo, Sudafrica