Una fonte d’ispirazione per talenti creativi

In oltre dieci anni di attività, abbiamo dato vita a una collezione di “taccuini d’autore, opere uniche realizzate da artisti e pensatori su taccuini Moleskine e donate a lettera27 per sostenere le sue attività. Una staffetta di creatività collettiva che viaggia per il mondo, ispirando una comunità internazionale di talenti creativi.

Moleskine Foundation è orgogliosa di ereditare la collezione di lettera27 e continuare a espanderla e farla girare per il mondo.

Una staffetta di creatività collettiva

La collezione riflette la varietà, la ricchezza e la complessità del pensiero creativo contemporaneo. Raccoglie i contributi di artisti, designer, architetti, musicisti, filmmaker, illustratori, intellettuali e filosofi, che – pagina dopo pagina – hanno riempito i taccuini di pensieri, schizzi, immagini, trasformandoli spesso in artefatti completamente diversi dall’originale. Nei casi estremi, del taccuino rimane solo la copertina; in altri, il taccuino diventa parte integrante di un’opera d’arte, viene bruciato, strappato, ricostruito, rigenerato. Il taccuino è lo strumento, il limite, l’origine. La collezione è nata nel 2006 con i progetti Detour e myDetour ed è cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi anni, anche grazie al contributo dell’iniziativa AtWork avviata nel 2010.

La Fondazione si adopera per presentare la collezione a eventi artistici, festival, mostre e Biennali, così da continuare a dare il massimo della visibilità agli autori.

Pascale - Marthine Tayou, Many, Many (people), 2011

La collezione comprende attualmente circa 1.000 opere, suddivise in tre archivi:

Detour

Detour è una piccola parte del viaggio di Moleskine, fatta di storie che si intrecciano tra loro. Una raccolta itinerante, curata da Raffaella Guidobono, che mette in mostra taccuini realizzati da artisti, architetti, registi, graphic designer, illustratori e scrittori di fama mondiale. Alcuni contengono storie, altri si trasformano in oggetti di design e opere d’arte contemporanea.

Il progetto ha già toccato le città di Londra (2006), New York (2007), Parigi (2008), Berlino (2008), Istanbul (primavera 2009), Tokyo (autunno 2009), Venezia (estate 2010), Shanghai (autunno 2010) e Pechino (2013).

Sfoglia i taccuini nella galleria video Detour.

DeTour Paris, Centre Pompidou, 2008

myDetour

myDetour è un progetto di Moleskine dedicato agli appassionati di pittura, fotografia, illustrazione e scrittura. Un’opportunità per condividere la propria creatività, online e offline. Per partecipare alla selezione, occorre semplicemente decorare il proprio taccuino Moleskine e lasciarlo in una teca per la raccolta di myDetour. La giuria sceglierà i taccuini più creativi di ogni città, che verranno portati in mostra nella tappa successiva e pubblicati nella galleria online. Per ogni città, l’autore del taccuino più pregevole verrà invitato all’evento di apertura successivo.

Le installazioni myDetour spesso seguono il progetto Detour, una raccolta itinerante di taccuini realizzati da personalità di fama internazionale.

Visita le Gallerie myDetour: Venezia 2012, Shanghai, Venezia 2010, Tokyo, San Francisco, Istanbul, Berlino, Parigi, New York, 5×5 Dakar.

myDetour Shanghai

AtWork

AtWork è un format educativo itinerante ideato dalla Fondazione e Simon Njami. Utilizzando il processo creativo per stimolare il pensiero critico e il confronto fra i partecipanti, AtWork contribuisce alla creazione di una nuova generazione di pensatori. Il nucleo centrale di AtWork è un workshop a tema condotto da un artista o curatore. Il tema prescelto fornisce lo spunto per l’avvio di un dibattito collettivo e di una riflessione individuale su questioni come identità, cultura, comunità, etc. Il risultato finale è la creazione di un taccuino personalizzato, frutto del processo di elaborazione personale attivato dal workshop. I taccuini sono esposti in una mostra co-curata dai partecipanti stessi. I taccuini donati entrano a far parte della collezione.

Visita il sito per scoprire i taccuini e le mostre: www.at-work.org

Condividi