Cos’è Ecriture Infinie?

Ecriture Infinie è un progetto artistico di Bili Bidjocka, curato da Simon Njami che celebra il gesto della scrittura a mano. Un enorme libro dalle pagine bianche invita le persone a lasciare il loro segno sulla carta. E’ un gesto che attiva una riflessione e stimola tante domande: come cambiano i processi cognitivi e creativi quando la carta e la penna vengono sostituiti dalle piattaforme digitali? Che impatto ha questo sulla memoria? Che processi di riflessione e consapevolezza di sé si attivano con il gesto della scrittura?

lettera27, insieme a Moleskine, sostiene Ecriture Infinie, perché condivide la visione di Bili Bidjocka e vuole contribuire al dibattito culturale sull’importanza della scrittura a mano e il suo significato dal punto di vista cognitivo e educativo.

Accept cookie first

Cosa abbiamo fatto insieme?

L’opera consiste nella realizzazione di sette enormi libri dalle pagine bianche, vuote, messi in mostra in giro per il mondo accanto a uno scrittoio, una lampada, una penna. Chiunque può avvicinarsi e lasciare un segno sulla pagina. L’invito rivolto a ciascuno è quello di scrivere come se fosse l’ultima volta che potessero scrivere a mano. Al centro dell’attenzione non è tanto ciò che viene scritto, quanto il gesto, il movimento della penna sulla carta, registrato in video. Quando un libro è finalmente completo, viene sigillato, impacchettato e nascosto in un luogo segreto, come in una capsula del tempo. Chi troverà i libri tra migliaia di anni sarà in grado di decifrarli?

“La mia proposizione non è educativa o morale, e non pretende di essere un’analisi obbiettiva della società. Il suo obbiettivo è il processo. La scrittura mi interessa perché è un processo. Uno inizia la frase e …”

Bili Bidjocka su Ecriture Infinie

Il progetto Ecriture Infinie è stato presentato per la prima volta nel 2006 al Mori Art Museum di Tokyo. Altri volumi sono stati esposti al Museet di Stoccolma e alla Biennale di Venezia del 2007, all’interno del progetto Check List – Luanda Pop.

Nel 2010 Bili Bidjocka incontra Moleskine, da questa collaborazione è nato un Ottavo Libro. Rispetto agli altri sette, è molto più piccolo e ha fatto la sua prima comparsa al Festivaletteratura di Mantova a settembre 2011. È stato poi presentato a Incroci di Civiltà a Venezia nel 2012 e all’Internationales Literaturfestival di Berlino nel 2013.

Al progetto è dedicato un sito web, ecritureinfinie.org, concepito come una sorta di esperimento volto a legare l’esperienza analogica a quella digitale. Si tratta di uno spazio digitale che funge da archivio del processo di scrittura infinita.

Simon Njami, Ecriture Infinie

La collaborazione con lettera27 e Moleskine continua con il Nono Libro di Ecriture Infinie, che a ottobre 2014 ha fatto la sua comparsa all’interno della mostra The Divine Comedy presso lo SCAD Museum of Art di Savannah, in Georgia, curata da Simon Njami, advisor di lettera27 (16 ottobre 2014 – 25 gennaio 2015).

Si tratta di un trittico, tre grandi libri riuniti in un unico volume. Ognuno corrisponde a una sezione della mostra e ha un colore specifico: bianco per il Paradiso, rosso per il Purgatorio, nero per l’Inferno. Il testo della Divina Commedia (in inglese) compare su un iPAD installato accanto al libro. I visitatori sono invitati a copiare a mano un passaggio della Divina Commedia e riflettere sul significato personale del testo che hanno scelto.

Nel 2015 il Nono Libro ha proseguito allo Smithsonian National Museum of African Art dove la mostra si è tenuta dal 8 aprile fino al 1° novembre.

Bili Bidjocka, Ecriture Infinie

A chi si rivolge

Grande pubblico; studiosi di Cultural Studies, estetica e neurolinguistica; psicologi cognitivi; scrittori professionisti e artisti.

In breve

Piattaforma online
ecritureinfinie.org

Artist
Bili Bidjocka

Curatore
Simon Njami

Con il supporto di
Moleskine

Colophon

Partner
Festivaletteratura, Mantua
Incroci di Civiltà, Venice
Literaturfestival, Berlin
The Divine Comedy exhibition at MMK, SCAD, Smithsonian

Foto e video
Ecriture Infinie on Flickr
Ecriture Infinie Gallery
Bili Bidjocka on Ecriture Infinie
Simon Njami talks about The Divine Comedy